Scopri le alternative naturali al farmaco

ZAFFERANO VS BENZODIAZEPINE

Le Benzodiazepine sono la categoria di medicinali più famosa tra i farmaci ipnotico-sedativi. Vengono utilizzate nel trattamento di ansia, insonnia e dipendenza da alcol; ce ne sono di vari tibi e quasi tutte sono prescrivibili da un medico di base. Derivano dalla Rauwolfia Serpentina una pianta nativa dell'Africa centrale e dell'America centro-meridionale, da cui fu estratto il capostipite di questi principi attivi conosciuto come Reserpina, successivamente isolato e riprodotto sinteticamente.

Le Benzodiazepine hanno completamente soppiantato i barbiturici essendo più versatili per la sicurezza e per la tutela della salute del paziente.

Le Benzodiazepine non sono però esenti da effetti collaterali.

Uno studio del 2014 pubblicato sul British Medical Journal "Uso di benzodiazepine e malattia di Alzheimer: studio sul controllo dei casi" nel quale si sostiene che l’uso di questi ansiolitici aumenta del 51% il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Il rischio aumenta col periodo di assunzione, per arrivare all'84% per chi assume benzodiazepine per più di sei mesi.

Se a queste recenti evidenze scientifiche sommiamo i due effetti collaterali per cui le benzodiazepine sono tristemente note ovvero la dipendenza (impossibilità per il paziente di staccarsi dal farmaco) e assuefazione (necessità di alzare costantemente i dosaggi perchè quelli più bassi non funzionano più), capiamo il perchè sospendere quando possibile o almeno ridurre il farmaco è una cosa importante.

In questo articolo ci piacerebbe evidenziare le proprietà dello zafferano e la possibilità per il medico di adoperarlo in sostituzione o come coadiuvante mentre si tenti lo svezzamento del paziente dai sedativi.

Studi in vitro e su modello animale hanno evidenziato che i componenti volatili degli estratti di zafferano, tra cui il safranale (maggiore costituente di questa frazione) agiscono con azione antidepressiva, anticonvulsivante ed ipnotico-sedativa, ansiolitica e anti stress con effetti simili a fluoxetina, bupropione e benzodiazepine.

Una metanalisi di studi clinici, randomizzati e della durata di sei settimane, ha evidenziato che l’integrazione con 30 mg/die di estratto secco di stigmi di zafferano è in grado di migliorare i sintomi di pazienti adulti affetti da depressione maggiore rispetto al placebo.
Alcuni di questi studi clinici hanno dimostrato che l’assunzione orale, sempre di questo dosaggio di estratto di zafferano, per 6 settimane risulta ugualmente efficace rispetto al controllo (trattato rispettivamente con 20 mg/die di fluoxetina o 100 mg/die di imipramina) nel trattare la depressione migliorando la Hamilton Depression Rating Scale (HDRS) ma con meno controindicazioni.

Un recente studio clinico (ACTRN12614001053617), doppio-cieco, randomizzato, controllato da placebo
condotto su 128 volontari sani, uomini e donne di età media compresa tra 18-70 anni, è stato condotto per valutare l’efficacia dell’assunzione orale giornaliera di 28 mg di zafferano ad alta concentrazione di safranale per 4 settimane nel migliorare
l’umore, la depressione, lo stato di ansia, di stress e la memoria.

Nella nostra esperienza abbiamo assistito a due tipi di situazioni differenti:

 1 - Adoperando lo zafferano il medico è riuscito a svezzare il paziente dal farmaco  che assumeva.

 2 - Un paziente che assumeva il Rivotril, considerato una delle benzodiazepine più potenti, associando lo zafferano è stato portato dal suo specialista ad assumere l'alprazolam, una benzodiazepina più leggera e con meno efetti collaterali.

3 - Un paziente che assumeva 16 gocce di Citalopram è stato progressivamente portato ad assumerne 4, grazie alla contemporanea somministrazione di zafferano, sempre sotto stretto controllo del proprio medico.

Per questi motivi lo zafferano potrebbe essere valutato come alternativa o coadiuvante nel tentativo di liberarsi dalla dipendenza da benzodiazepine.

>> Leggi anche: : https://farmacia-di-contea.myshopify.com/collections/frontpage/products/integratore-alimentare-naturale-zafferano-insonnia-e-depressione

 Iscrivetevi al nostro blog per essere aggiornati ogni volta che pubblichiamo un nuovo articolo.